cypyright

Diritti d’autore su Internet. Come funzionano.

Internet ha cambiato il volto dei media – pubblicare sul web possono farlo tutti, ciò favorisce determinati abusi, come la diffusione di informazioni non confermate o errate e anche la violazione dei diritti d’autore. A volte viene fatto con premeditazione, a volte a causa dell’ignoranza. Come scrivere e pubblicare in modo da non violare i diritti di nessuno?

Attualmente internet è la nostra principale fonte di informazioni. Non c’è niente di strano – è anche il mezzo più veloce e il più ricco di contenuti diversi. Una volta, le ultime notizie si poteva trovarle sul giornale del mattino, e oggi i nuovi messaggi vengono pubblicati immediatamente dopo che sono stati rivelati o acquisiti. In più, sul web pubblicano non solo professionisti, ma anche individui a caso – chiunque può creare un blog, senza dire di un profilo sui social network. Quando vediamo una pubblicazione che ci piace o che innesca qualsiasi altra emozione, spesso sentiamo il bisogno di inoltrarla immediatamente. A volte mettiamo il link di un articolo interessante, un’altra volta ne copiamo solo una parte di esso, aggiungendo la propria interpretazione. Non sempre sappiamo però come farlo senza violare i diritti d’autore. Non c’è da stupirsi – è un fenomeno abbastanza complesso in cui è facile perdersi.

Partiamo con spiegare cosa sono i diritti d’autore. Questi includono di solito tutti i diritti che spettano all’autore di una concreta opera e, soprattutto, si concentrano sulla sua capacità di decidere come è possibile usare la sua opera e come trarne profitti. L’oggetto del diritto d’autore è ogni lavoro espresso in parole, in un simbolo matematico, un segno grafico (letterario, giornalistico, scientifico, cartografico, programma per computer); plastico; fotografico; liutaio; design industriale; architettonico, architettonico – urbano, urbano; musicale, verbale – musicale; palcoscenico, palcoscenico – musicale, coreografico, pantomimo o audiovisivo (visivo e audio). I diritti d’autore non coprono invece brevi comunicati stampa, ovvie teorie scientifiche, marchi utilizzati a scopo informativo e documenti ufficiali. Tutti i regolamenti su questo argomento sono contenuti nella legge del 4 febbraio 1994 sul diritto d’autore e diritti connessi.

Vale la pena di sottolineare che non c’è bisogno di alcuna azione per acquisire il diritto d’autore al lavoro creato da sé – esso spetta a ciascun autore automaticamente. È protetto ogni lavoro dal momento della sua creazione, e quindi anche quelli che non sono stati completati.

Quali funzioni hanno i diritti d’autore? Soprattutto, sono un modo per prendersi cura che i creatori ricevano la retribuzione che meritano per aver creato il lavoro. Quindi possiamo supporre che loro abbiano più motivazione per creare. Inoltre, contribuiscono a ridurre al minimo le perdite di aziende che promuovono opere, lavori o prodotti specifici, nonché perdite dello stato riguardanti la limitazione dell’evasione fiscale.

All’autore dell’opera spetta il diritto di paternità di un’opera, di distribuirla sotto il proprio pseudonimo selezionato e controllare il modo in cui viene utilizzata. I diritti d’autore determinano il legame tra un’opera e il suo creatore – ciò che è importante, non possono essere venduti o rifiutati in alcun modo.

Un altro problema è la legge sul diritto di proprietà – l’autore ha il diritto di trasmetterlo a qualcun altro, ad esempio, a scopo di lucro. In questo caso, l’autore può tra l’altro non avere diritto a trarre profitto dalla vendita di ulteriori copie del proprio lavoro.

Quando un’opera viene pubblicata sul web, ognuno di noi ha il diritto di utilizzare l’opera gratuitamente per uso personale senza il permesso del creatore.

Ciò significa che se l’autore, ad esempio, ha distribuito il proprio testo su un blog, possiamo salvarlo sul disco del computer o stamparlo. Non abbiamo però il diritto di divulgarla ulteriormente o trarre profitti dalla proprietà, cioè venderla.

Vi sono situazioni in cui la divulgazione dell’opera di qualcun altro a fini informativi non è punibile. Il diritto di usare tali opere lo hanno i media: la stampa, la televisione e la radio. Anche alcuni siti web soddisfano i criteri di soggetti “privilegiati” in questo modo (cioè appartengono alla stampa), ma il loro isolamento è difficile e discutibile. Sicuramente tale diritto spetta ai portali informativi, cioè virtuali, specifico, l’equivalente dei canali di notizie televisivi, ma i testi che essi riproducono devono essere aggiornati. Come ristampa viene determinata la pubblicazione sul portale dell’intero contenuto, della foto o di una parte sostanziale del contenuto immutato. Nel caso di fotografie e immagini, vale la pena ricordare che la forma invariata significa anche dettagli come le stesse dimensioni – anche perché la qualità della grafica rimanga invariata. Inoltre, non possiamo dimenticare di firmare i lavori con il nome o lo pseudonimo del creatore. È anche importante sapere che il diritto di ristampa non significa automaticamente che l’autore dell’opera originale non ha diritto a insistere sul guadagno finanziario – i casi in cui egli ha l’opportunità di farlo sono descritti in particolari leggi sul diritto d’autore.

Lascia un commento